Informazioni sui contenuti di sicurezza di iOS 12.1.3

In questo documento vengono descritti i contenuti di sicurezza di iOS 12.1.3.

Informazioni sugli aggiornamenti di sicurezza Apple

Per proteggere i propri clienti, Apple non divulga, illustra o conferma alcun problema relativo alla sicurezza prima di aver eseguito un'indagine approfondita e messo a disposizione le correzioni o gli aggiornamenti necessari. Puoi trovare un elenco delle nuove versioni alla pagina Aggiornamenti di sicurezza Apple.

Quando possibile, i documenti di sicurezza Apple utilizzano gli ID CVE per indicare le vulnerabilità.

Per ulteriori informazioni sulla sicurezza, visita la pagina relativa alla sicurezza dei prodotti Apple.

iOS 12.1.3

Rilasciato il 22 gennaio 2019

AppleKeyStore

Disponibile per: iPhone 5s e modelli successivi, iPad Air e modelli successivi, iPod touch (6a generazione)

Impatto: un processo in sandbox può essere in grado di eludere le restrizioni della sandbox.

Descrizione: un problema di danneggiamento della memoria è stato risolto attraverso una migliore convalida.

CVE-2019-6235: Brandon Azad

Bluetooth

Disponibile per: iPhone 5s e modelli successivi, iPad Air e modelli successivi, iPod touch (6a generazione)

Impatto: un malintenzionato in una posizione privilegiata in rete può causare l'esecuzione di codice arbitrario

Descrizione: un problema di lettura non nei limiti è stato risolto attraverso una migliore convalida dell'input.

CVE-2019-6200: un ricercatore anonimo

Core Media

Disponibile per: iPhone 5s e modelli successivi, iPad Air e modelli successivi, iPod touch (6a generazione)

Impatto: un'applicazione dannosa potrebbe rendere più elevati i privilegi.

Descrizione: un problema di lettura non nei limiti è stato risolto con un migliore controllo dei limiti.

CVE-2019-6202: Fluoroacetate in collaborazione con Zero Day Initiative di Trend Micro

CVE-2019-6221: Fluoroacetate in collaborazione con Zero Day Initiative di Trend Micro

CoreAnimation

Disponibile per: iPhone 5s e modelli successivi, iPad Air e modelli successivi, iPod touch (6a generazione)

Impatto: un'applicazione dannosa può essere in grado di leggere la memoria con restrizioni.

Descrizione: un problema di lettura non nei limiti è stato risolto con un migliore controllo dei limiti.

CVE-2019-6231: Zhuo Liang del team Nirvan di Qihoo 360

CoreAnimation

Disponibile per: iPhone 5s e modelli successivi, iPad Air e modelli successivi, iPod touch (6a generazione)

Impatto: un'applicazione dannosa potrebbe essere in grado di uscire dalla sandbox.

Descrizione: un problema di inizializzazione della memoria è stato risolto attraverso una migliore gestione della memoria.

CVE-2019-6230: Proteas, Shrek_wzw e Zhuo Liang del team Nirvan di Qihoo 360

FaceTime

Disponibile per: iPhone 5s e modelli successivi, iPad Air e modelli successivi, iPod touch (6a generazione)

Impatto: un utente malintenzionato collegato in remoto potrebbe essere in grado di avviare una chiamata FaceTime causando l'esecuzione di codice arbitrario.

Descrizione: un problema di overflow del buffer è stato risolto attraverso una migliore gestione della memoria.

CVE-2019-6224: Natalie Silvanovich di Google Project Zero

IOKit

Disponibile per: iPhone 5s e modelli successivi, iPad Air e modelli successivi, iPod touch (6a generazione)

Impatto: un'applicazione dannosa potrebbe essere in grado di uscire dalla sandbox.

Descrizione: un problema di confusione dei tipi è stato risolto attraverso una migliore gestione della memoria.

CVE-2019-6214: Ian Beer di Google Project Zero

Kernel

Disponibile per: iPhone 5s e modelli successivi, iPad Air e modelli successivi, iPod touch (6a generazione)

Impatto: un'applicazione dannosa potrebbe rendere più elevati i privilegi.

Descrizione: un problema di danneggiamento della memoria è stato risolto attraverso una migliore convalida.

CVE-2019-6225: Brandon Azad di Google Project Zero, Qixun Zhao del team Vulcan di Qihoo 360

Kernel

Disponibile per: iPhone 5s e modelli successivi, iPad Air e modelli successivi, iPod touch (6a generazione)

Impatto: un'applicazione dannosa può eseguire codice arbitrario con privilegi kernel.

Descrizione: un problema di danneggiamento della memoria è stato risolto attraverso una migliore convalida dell'input.

CVE-2019-6210: Ned Williamson di Google

Kernel

Disponibile per: iPhone 5s e modelli successivi, iPad Air e modelli successivi, iPod touch (6a generazione)

Impatto: un'applicazione dannosa potrebbe causare modifiche impreviste nella memoria condivisa tra i processi

Descrizione: un problema di danneggiamento della memoria viene risolto attraverso un migliore controllo dello stato di blocco.

CVE-2019-6205: Ian Beer di Google Project Zero

Kernel

Disponibile per: iPhone 5s e modelli successivi, iPad Air e modelli successivi, iPod touch (6a generazione)

Impatto: un'applicazione può essere in grado di eseguire codice arbitrario con privilegi kernel.

Descrizione: un overflow del buffer è stato risolto attraverso un migliore controllo dei limiti.

CVE-2019-6213: Ian Beer di Google Project Zero

Kernel

Disponibile per: iPhone 5s e modelli successivi, iPad Air e modelli successivi, iPod touch (6a generazione)

Impatto: un'applicazione dannosa può essere in grado di determinare il layout della memoria del kernel

Descrizione: si verificava un problema di lettura non nei limiti che causava la divulgazione della memoria del kernel. Il problema è stato risolto attraverso una migliore convalida dell'input.

CVE-2019-6209: Brandon Azad di Google Project Zero

Kernel

Disponibile per: iPhone 5s e modelli successivi, iPad Air e modelli successivi, iPod touch (6a generazione)

Impatto: un'applicazione dannosa potrebbe causare modifiche impreviste nella memoria condivisa tra i processi

Descrizione: un problema di inizializzazione della memoria è stato risolto attraverso una migliore gestione della memoria.

CVE-2019-6208: Jann Horn di Google Project Zero

Tastiera

Disponibile per: iPhone 5s e modelli successivi, iPad Air e modelli successivi, iPod touch (6a generazione)

Impatto: la compilazione automatica della password potrebbe inserire password dopo che sono state manualmente cancellate

Descrizione: si verificava un problema con il ripristino della compilazione automatica dopo essere stata cancellata.  Il problema è stato risolto attraverso una migliore gestione dello stato.

CVE-2019-6206: Sergey Pershenkov

libxpc

Disponibile per: iPhone 5s e modelli successivi, iPad Air e modelli successivi, iPod touch (6a generazione)

Impatto: un'applicazione dannosa può eseguire codice arbitrario con privilegi kernel.

Descrizione: un problema di danneggiamento della memoria è stato risolto attraverso una migliore convalida dell'input.

CVE-2019-6218: Ian Beer di Google Project Zero

Elaborazione del linguaggio naturale

Disponibile per: iPhone 5s e modelli successivi, iPad Air e modelli successivi, iPod touch (6a generazione)

Impatto: l'elaborazione di un messaggio dannoso può causare l'interruzione del servizio

Descrizione: un problema di interruzione del servizio è stato risolto attraverso una migliore convalida.

CVE-2019-6219: Authier Thomas

Reader di Safari

Disponibile per: iPhone 5s e modelli successivi, iPad Air e modelli successivi, iPod touch (6a generazione)

Impatto: l'elaborazione di contenuti web dannosi può causare un attacco di scripting cross-site.

Descrizione: un problema di cross-site scripting in Safari è stato risolto attraverso una migliore convalida degli URL.

CVE-2019-6228: Ryan Pickren (ryanpickren.com)

SQLite

Disponibile per: iPhone 5s e modelli successivi, iPad Air e modelli successivi, iPod touch (6a generazione)

Impatto: una query SQL pericolosa può causare l'esecuzione di codice arbitrario

Descrizione: diversi problemi di danneggiamento della memoria sono stati risolti attraverso una migliore convalida dell'input.

CVE-2018-20346: Tencent Blade Team

CVE-2018-20505: Tencent Blade Team

CVE-2018-20506: Tencent Blade Team

WebKit

Disponibile per: iPhone 5s e modelli successivi, iPad Air e modelli successivi, iPod touch (6a generazione)

Impatto: l'elaborazione di contenuti web dannosi può causare l'esecuzione di codice arbitrario.

Descrizione: un problema di danneggiamento della memoria è stato risolto attraverso una migliore gestione della memoria.

CVE-2019-6227: Qixun Zhao del team Vulcan di Qihoo 360

CVE-2019-6233: G. Geshev di MWR Labs in collaborazione con Zero Day Initiative di Trend Micro

CVE-2019-6234: G. Geshev di MWR Labs in collaborazione con Zero Day Initiative di Trend Micro

WebKit

Disponibile per: iPhone 5s e modelli successivi, iPad Air e modelli successivi, iPod touch (6a generazione)

Impatto: l'elaborazione di contenuti web dannosi può causare cross-site scripting universale.

Descrizione: un problema logico è stato risolto attraverso una migliore convalida.

CVE-2019-6229: Ryan Pickren (ryanpickren.com)

WebKit

Disponibile per: iPhone 5s e modelli successivi, iPad Air e modelli successivi, iPod touch (6a generazione)

Impatto: l'elaborazione di contenuti web dannosi può causare l'esecuzione di codice arbitrario.

Descrizione: un problema di confusione dei tipi è stato risolto attraverso una migliore gestione della memoria.

CVE-2019-6215: Lokihardt di Google Project Zero

WebKit

Disponibile per: iPhone 5s e modelli successivi, iPad Air e modelli successivi, iPod touch (6a generazione)

Impatto: l'elaborazione di contenuti web dannosi può causare l'esecuzione di codice arbitrario.

Descrizione: diversi problemi di danneggiamento della memoria sono stati risolti attraverso una migliore gestione della memoria.

CVE-2019-6212: un ricercatore anonimo, un ricercatore anonimo

CVE-2019-6216: Fluoroacetate in collaborazione con Zero Day Initiative di Trend Micro

CVE-2019-6217: Fluoroacetate in collaborazione con Zero Day Initiative di Trend Micro, Proteas, Shrek_wzw e Zhuo Liang del team Nirvan di Qihoo 360

CVE-2019-6226: Apple

WebRTC

Disponibile per: iPhone 5s e modelli successivi, iPad Air e modelli successivi, iPod touch (6a generazione)

Impatto: l'elaborazione di contenuti web dannosi può causare l'esecuzione di codice arbitrario.

Descrizione: un problema di danneggiamento della memoria è stato risolto attraverso una migliore gestione dello stato.

CVE-2019-6211: Georgi Geshev (@munmap), Fabi Beterke (@pwnfl4k3s) e Rob Miller (@trotmaster99) di MWR Labs (@mwrlabs) in collaborazione con Zero Day Initiative di Trend Micro

Altri riconoscimenti

mDNSResponder

Ringraziamo Fatemah Alharbi della University of California, Riverside (UCR) e della Taibah University (TU), Jie Chang di LinkSure Network, Yuchen Zhou della Northeastern University, Feng Qian della University of Minnesota – Twin City, Zhiyun Qian della University of California, Riverside (UCR) e Nael Abu-Ghazaleh della University of California, Riverside (UCR) per l'assistenza.

Reader di Safari

Ringraziamo Ryan Pickren (ryanpickren.com) per l'assistenza.

WebKit

Ringraziamo un ricercatore anonimo per l'assistenza.

Le informazioni relative ai prodotti non fabbricati da Apple o ai siti web indipendenti non controllati o testati da Apple vengono fornite senza raccomandazioni o approvazioni. Apple non si assume alcuna responsabilità in merito alla scelta, alle prestazioni o all'utilizzo di prodotti o siti web di terze parti. Apple non esprime alcuna opinione in merito alla precisione o all'affidabilità dei siti web di terze parti. Esistono rischi impliciti nell'uso di internet. Per ulteriori informazioni contattare il fornitore. Altri nomi di aziende e prodotti potrebbero essere marchi dei rispettivi proprietari.

Data di pubblicazione: