Informazioni sui contenuti di sicurezza di macOS Mojave 10.14

In questo documento vengono descritti i contenuti di sicurezza di macOS Mojave 10.14.

Informazioni sugli aggiornamenti di sicurezza Apple

Per proteggere i propri clienti, Apple non divulga, illustra o conferma alcun problema relativo alla sicurezza prima di aver eseguito un'indagine approfondita e messo a disposizione le correzioni o gli aggiornamenti necessari. Puoi trovare un elenco delle nuove versioni alla pagina Aggiornamenti di sicurezza Apple.

Per ulteriori informazioni sulla sicurezza, visita la pagina relativa alla sicurezza dei prodotti Apple. Puoi codificare le comunicazioni con Apple usando la chiave PGP per la sicurezza dei prodotti Apple.

Quando possibile, i documenti di sicurezza Apple utilizzano gli ID CVE per indicare le vulnerabilità.

macOS Mojave 10.14

Data di rilascio: 24 settembre 2018

Bluetooth

Disponibile per: iMac (21,5 pollici, fine 2012), iMac (27 pollici, fine 2012), iMac (21,5 pollici, fine 2013), iMac (21,5 pollici, metà 2014), iMac (Retina 5K, 27 pollici, fine 2014), iMac (21,5 pollici, fine 2015), Mac mini (metà 2011), Mac mini Server (metà 2011), Mac mini (fine 2012), Mac mini Server (fine 2012), Mac mini (fine 2014), Mac Pro (fine 2013), MacBook Air (11 pollici, metà 2011), MacBook Air (13 pollici, metà 2011), MacBook Air (11 pollici, metà 2012), MacBook Air (13 pollici, metà 2012), MacBook Air (11 pollici, metà 2013), MacBook Air (13 pollici, metà 2013), MacBook Air (11 pollici, inizio 2015), MacBook Air (13 pollici, inizio 2015), MacBook Pro (13 pollici, metà 2012), MacBook Pro (15 pollici, metà 2012), MacBook Pro (Retina, 13 pollici, inizio 2013), MacBook Pro (Retina, 15 pollici, inizio 2013), MacBook Pro (Retina, 13 pollici, fine 2013) e MacBook Pro (Retina, 15 pollici, fine 2013)

Impatto: un utente malintenzionato in una posizione privilegiata sulla rete può essere in grado di intercettare il traffico Bluetooth.

Descrizione: esisteva un problema di convalida dell'input relativo al Bluetooth. Questo problema è stato risolto attraverso una migliore convalida dell'input.

CVE-2018-5383: Lior Neumann e Eli Biham

 

Gli aggiornamenti di seguito sono disponibili per questi modelli di Mac: MacBook (fine 2015 e modelli successivi), MacBook Air (metà 2012 e modelli successivi), MacBook Pro (metà 2012 e modelli successivi), Mac mini (fine 2012 e modelli successivi), iMac (fine 2012 e modelli successivi), iMac Pro (tutti i modelli), Mac Pro (fine 2013, metà 2010 e metà 2012 con processore grafico compatibile con Metal, inclusi MSI Gaming Radeon RX 560 e Sapphire Radeon PULSE RX 580)

afpserver

Impatto: un utente malintenzionato da remoto potrebbe attaccare i server AFP tramite i client HTTP.

Descrizione: un problema di convalida dell'input è stato risolto attraverso una migliore gestione dell'input.

CVE-2018-4295: Jianjun Chen (@whucjj) di Tsinghua University e UC Berkeley

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

App Store

Impatto: un'applicazione dannosa può riuscire a determinare l'ID Apple del proprietario del computer.

Descrizione: si verificava un problema di autorizzazioni nella gestione dell'ID Apple che è stato risolto attraverso un migliore controllo degli accessi.

CVE-2018-4324: Sergii Kryvoblotskyi di MacPaw Inc.

AppleGraphicsControl

Impatto: un'applicazione può essere in grado di leggere la memoria con restrizioni.

Descrizione: un problema di convalida è stato risolto con una migliore sanitizzazione dell'input.

CVE-2018-4417: Lee dell'Information Security Lab Yonsei University in collaborazione con Zero Day Initiative di Trend Micro

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

Applicazione Firewall

Impatto: un processo in sandbox può essere in grado di eludere le restrizioni della sandbox.

Descrizione: un problema di configurazione è stato risolto attraverso restrizioni aggiuntive.

CVE-2018-4353: Abhinav Bansal di LinkedIn, Inc.

Voce aggiornata il 30 ottobre 2018

APR

Impatto: diversi problemi di overflow del buffer erano presenti in Perl.

Descrizione: diversi problemi in Perl sono stati risolti attraverso una migliore gestione della memoria.

CVE-2017-12613: Craig Young di Tripwire VERT

CVE-2017-12618: Craig Young di Tripwire VERT

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

ATS

Impatto: un'applicazione dannosa potrebbe rendere più elevati i privilegi.

Descrizione: un problema di danneggiamento della memoria è stato risolto attraverso una migliore convalida dell'input.

CVE-2018-4411: lilang wu Moony Li di Trend Micro in collaborazione con Zero Day Initiative di Trend Micro

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

ATS

Impatto: un'applicazione può essere in grado di leggere la memoria con restrizioni.

Descrizione: un problema di lettura non nei limiti è stato risolto con un migliore controllo dei limiti.

CVE-2018-4308: Mohamed Ghannam (@_simo36)

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

Sblocco automatico

Impatto: un'applicazione dannosa può riuscire ad accedere agli ID Apple degli utenti locali.

Descrizione: si verificava un problema di convalida nella verifica delle autorizzazioni, che è stato risolto con una migliore convalida delle autorizzazioni del processo.

CVE-2018-4321: Min (Spark) Zheng, Xiaolong Bai di Alibaba Inc.

CFNetwork

Impatto: un'applicazione può essere in grado di eseguire codice arbitrario con privilegi di sistema.

Descrizione: un problema di danneggiamento della memoria è stato risolto attraverso una migliore gestione della memoria.

CVE-2018-4126: Bruno Keith (@bkth_) in collaborazione con Zero Day Initiative di Trend Micro

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

CoreFoundation

Impatto: un'applicazione dannosa potrebbe rendere più elevati i privilegi.

Descrizione: un problema di danneggiamento della memoria è stato risolto attraverso una migliore convalida dell'input.

CVE-2018-4412: National Cyber Security Centre (NCSC) del Regno Unito

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

CoreFoundation

Impatto: un'applicazione potrebbe riuscire ad acquisire privilegi elevati.

Descrizione: un problema di danneggiamento della memoria è stato risolto attraverso una migliore convalida dell'input.

CVE-2018-4414: National Cyber Security Centre (NCSC) del Regno Unito

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

CoreText

Impatto: l'elaborazione di un file di testo dannoso può causare l'esecuzione di codice arbitrario.

Descrizione: un problema di tipo use-after-free è stato risolto attraverso una migliore gestione della memoria.

CVE-2018-4347: Vasyl Tkachuk di Readdle

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018, aggiornata il 13 dicembre 2018

Crash Reporter

Impatto: un'applicazione può essere in grado di leggere la memoria con restrizioni.

Descrizione: un problema di convalida è stato risolto con una migliore sanitizzazione dell'input.

CVE-2018-4333: Brandon Azad

CUPS

Impatto: in determinate configurazioni, un utente malintenzionato da remoto potrebbe sostituire il contenuto del messaggio dal server di stampa con contenuto arbitrario.

Descrizione: un problema di injection è stato risolto attraverso una migliore convalida.

CVE-2018-4153: Michael Hanselmann di hansmi.ch

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

CUPS

Impatto: un utente malintenzionato in una posizione privilegiata potrebbe causare un'interruzione del servizio.

Descrizione: un problema di interruzione del servizio è stato risolto attraverso una migliore convalida.

CVE-2018-4406: Michael Hanselmann di hansmi.ch

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

Dizionario

Impatto: l'analisi di un file del dizionario dannoso può determinare la divulgazione di informazioni dell'utente.

Descrizione: un problema di convalida che permetteva l'accesso ai file locali è stato risolto attraverso una migliore sanitizzazione dell'input.

CVE-2018-4346: Wojciech Reguła (@_r3ggi) di SecuRing

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

DiskArbitration

Impatto: un'applicazione dannosa può riuscire a modificare il contenuto della partizione di sistema EFI e a eseguire codice arbitrario con privilegi kernel se l'avvio sicuro non è abilitato.

Descrizione: si verificava un problema di autorizzazioni in DiskArbitration. Questo problema è stato risolto con ulteriori verifiche della proprietà.

CVE-2018-4296: Vitaly Cheptsov

Voce aggiornata il 22 gennaio 2019

dyld

Impatto: un'applicazione dannosa può essere in grado di modificare parti protette del file system.

Descrizione: un problema di configurazione è stato risolto attraverso restrizioni aggiuntive.

CVE-2018-4433: Vitaly Cheptsov

Voce aggiornata il 22 gennaio 2019

Grand Central Dispatch

Impatto: un'applicazione può essere in grado di eseguire codice arbitrario con privilegi di sistema.

Descrizione: un problema di danneggiamento della memoria è stato risolto attraverso una migliore gestione della memoria.

CVE-2018-4426: Brandon Azad

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

Heimdal

Impatto: un'applicazione può essere in grado di eseguire codice arbitrario con privilegi di sistema.

Descrizione: un problema di danneggiamento della memoria è stato risolto attraverso una migliore gestione della memoria.

CVE-2018-4331: Brandon Azad

CVE-2018-4332: Brandon Azad

CVE-2018-4343: Brandon Azad

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

Hypervisor

Impatto: i sistemi con microprocessori che utilizzano l'esecuzione speculativa e le conversioni degli indirizzi possono consentire la divulgazione non autorizzata delle informazioni presenti nella cache dei dati L1 a un utente malintenzionato con accesso utente locale e privilegio ospite per il sistema operativo tramite un errore di pagina terminale e un'analisi side-channel.

Descrizione: un problema di divulgazione delle informazioni è stato risolto ripulendo la cache dei dati L1 all'accesso della macchina virtuale.

CVE-2018-3646: Baris Kasikci, Daniel Genkin, Ofir Weisse e Thomas F. Wenisch della University of Michigan, Mark Silberstein e Marina Minkin di Technion, Raoul Strackx, Jo Van Bulck e Frank Piessens di KU Leuven, Rodrigo Branco, Henrique Kawakami, Ke Sun e Kekai Hu di Intel Corporation, Yuval Yarom della University of Adelaide

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

iBooks

Impatto: l'analisi di un file iBooks pericoloso può determinare la divulgazione delle informazioni utente

Descrizione: un problema di configurazione è stato risolto attraverso restrizioni aggiuntive.

CVE-2018-4355: evi1m0 di bilibili security team

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

Driver Intel Graphics

Impatto: un'applicazione può essere in grado di leggere la memoria con restrizioni.

Descrizione: un problema di convalida è stato risolto con una migliore sanitizzazione dell'input.

CVE-2018-4396: Yu Wang di Didi Research America

CVE-2018-4418: Yu Wang di Didi Research America

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

Driver Intel Graphics

Impatto: un'applicazione può essere in grado di leggere la memoria con restrizioni.

Descrizione: un problema di inizializzazione della memoria è stato risolto attraverso una migliore gestione della memoria.

CVE-2018-4351: Appology Team @ Theori in collaborazione con Zero Day Initiative di Trend Micro

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

Driver Intel Graphics

Impatto: un'applicazione può essere in grado di eseguire codice arbitrario con privilegi di sistema.

Descrizione: un problema di danneggiamento della memoria è stato risolto attraverso una migliore convalida dell'input.

CVE-2018-4350: Yu Wang di Didi Research America

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

Driver Intel Graphics

Impatto: un'applicazione può essere in grado di eseguire codice arbitrario con privilegi di sistema.

Descrizione: un problema di danneggiamento della memoria è stato risolto attraverso una migliore gestione della memoria.

CVE-2018-4334: Ian Beer di Google Project Zero

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

Driver Intel Graphics

Impatto: un'applicazione può essere in grado di eseguire codice arbitrario con privilegi kernel.

Descrizione: un problema di danneggiamento della memoria è stato risolto attraverso una migliore convalida dell'input.

CVE-2018-4451: Tyler Bohan di Cisco Talos

CVE-2018-4456: Tyler Bohan di Cisco Talos

Voce aggiunta il 21 dicembre 2018 e aggiornata il 22 gennaio 2019

IOHIDFamily

Impatto: un'applicazione dannosa può eseguire codice arbitrario con privilegi kernel.

Descrizione: un problema di danneggiamento della memoria è stato risolto attraverso una migliore convalida dell'input.

CVE-2018-4408: Ian Beer di Google Project Zero

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

IOKit

Impatto: un'applicazione dannosa potrebbe essere in grado di uscire dalla sandbox.

Descrizione: un problema di danneggiamento della memoria è stato risolto attraverso una migliore gestione della memoria.

CVE-2018-4341: Ian Beer di Google Project Zero

CVE-2018-4354: Ian Beer di Google Project Zero

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

IOKit

Impatto: un'applicazione può essere in grado di eseguire codice arbitrario con privilegi kernel.

Descrizione: un problema di danneggiamento della memoria è stato risolto attraverso una migliore gestione dello stato.

CVE-2018-4383: Apple

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

IOUserEthernet

Impatto: un'applicazione può essere in grado di eseguire codice arbitrario con privilegi kernel.

Descrizione: un problema di danneggiamento della memoria è stato risolto attraverso una migliore gestione della memoria.

CVE-2018-4401: Apple

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

Kernel

Impatto: un'applicazione dannosa può essere in grado di divulgare informazioni sensibili degli utenti.

Descrizione: si verificava un problema di accesso con le chiamate API privilegiate. Questo problema è stato risolto attraverso ulteriori restrizioni.

CVE-2018-4399: Fabiano Anemone (@anoane)

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

Kernel

Impatto: un malintenzionato in una posizione privilegiata in rete può causare l'esecuzione di codice arbitrario.

Descrizione: un problema di danneggiamento della memoria è stato risolto attraverso una migliore convalida.

CVE-2018-4407: Kevin Backhouse di Semmle Ltd.

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

Kernel

Impatto: un'applicazione può essere in grado di eseguire codice arbitrario con privilegi kernel.

Descrizione: un problema di danneggiamento della memoria è stato risolto attraverso una migliore gestione della memoria.

CVE-2018-4336: Brandon Azad

CVE-2018-4337: Ian Beer di Google Project Zero

CVE-2018-4340: Mohamed Ghannam (@_simo36)

CVE-2018-4344: National Cyber Security Centre (NCSC) del Regno Unito

CVE-2018-4425: cc in collaborazione con Zero Day Initiative di Trend Micro, Juwei Lin (@panicaII) di Trend Micro in collaborazione con Zero Day Initiative di Trend Micro

Voce aggiornata il 30 ottobre 2018

LibreSSL

Impatto: in questo aggiornamento sono stati risolti diversi problemi di libressl.

Descrizione: diversi problemi sono stati risolti con l'aggiornamento di libressl alla versione 2.6.4.

CVE-2015-3194

CVE-2015-5333

CVE-2015-5334

CVE-2016-0702

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018, aggiornata il 13 dicembre 2018

Finestra di login

Impatto: un utente locale può causare un'interruzione del servizio.

Descrizione: un problema di convalida è stato risolto attraverso una migliore logica.

CVE-2018-4348: Ken Gannon di MWR InfoSecurity e Christian Demko di MWR InfoSecurity

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

mDNSOffloadUserClient

Impatto: un'applicazione può essere in grado di eseguire codice arbitrario con privilegi kernel.

Descrizione: un problema di danneggiamento della memoria è stato risolto attraverso una migliore gestione della memoria.

CVE-2018-4326: un ricercatore anonimo in collaborazione con Zero Day Initiative di Trend Micro, Zhuo Liang del Nirvan Team di Qihoo 360

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

MediaRemote

Impatto: un processo in sandbox può essere in grado di eludere le restrizioni della sandbox.

Descrizione: un problema dell'accesso è stato risolto attraverso ulteriori restrizioni della sandbox.

CVE-2018-4310: CodeColorist di Ant-Financial LightYear Labs

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

Microcodice

Impatto: i sistemi con microprocessori che utilizzano l'esecuzione speculativa e l'esecuzione speculativa delle operazioni di lettura della memoria prima che siano noti gli indirizzi di tutte le precedenti operazioni di scrittura della memoria possono consentire la divulgazione non autorizzata di informazioni a un utente malintenzionato con accesso utente locale tramite analisi side-channel.

Descrizione: un problema di divulgazione delle informazioni è stato risolto attraverso l'aggiornamento del microcodice. In questo modo, i dati meno recenti letti dagli indirizzi scritti di recente non possono essere letti tramite side-channel speculativo.

CVE-2018-3639: Jann Horn (@tehjh) di Google Project Zero (GPZ), Ken Johnson del Microsoft Security Response Center (MSRC)

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

Sicurezza

Impatto: un utente locale può causare un'interruzione del servizio.

Descrizione: il problema è stato risolto attraverso migliori controlli.

CVE-2018-4395: Patrick Wardle di Digita Security

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

Sicurezza

Impatto: un malintenzionato può essere in grado di sfruttare le debolezze dell'algoritmo crittografico RC4.

Descrizione: questo problema è stato risolto attraverso la rimozione dell'algoritmo RC4.

CVE-2016-1777: Pepi Zawodsky

Spotlight

Impatto: un'applicazione può essere in grado di eseguire codice arbitrario con privilegi di sistema.

Descrizione: un problema di danneggiamento della memoria è stato risolto attraverso una migliore gestione della memoria.

CVE-2018-4393: Lufeng Li

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

Symptom Framework

Impatto: un'applicazione può essere in grado di leggere la memoria con restrizioni.

Descrizione: un problema di lettura non nei limiti è stato risolto con un migliore controllo dei limiti.

CVE-2018-4203: Bruno Keith (@bkth_) in collaborazione con Zero Day Initiative di Trend Micro

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

Testo

Impatto: l'elaborazione di un file di testo dannoso può causare un'interruzione del servizio.

Descrizione: un problema di interruzione del servizio è stato risolto attraverso una migliore convalida.

CVE-2018-4304: jianan.huang (@Sevck)

Voce aggiunta il 30 ottobre 2018

Wi-Fi

Impatto: un'applicazione può essere in grado di leggere la memoria con restrizioni.

Descrizione: un problema di convalida è stato risolto con una migliore sanitizzazione dell'input.

CVE-2018-4338: Lee @ SECLAB, Yonsei University in collaborazione con Zero Day Initiative di Trend Micro

Voce aggiunta il 23 ottobre 2018

Altri riconoscimenti

Accessibility Framework

Ringraziamo Ryan Govostes per l'assistenza.

Core Data

Ringraziamo Andreas Kurtz (@aykay) di NESO Security Labs GmbH per l'assistenza.

CoreDAV

Ringraziamo Matthew Thomas di Verisign per l'assistenza.

Voce aggiunta il 13 dicembre 2018, aggiornata il 21 dicembre 2018

CoreGraphics

Ringraziamo Nitin Arya di Roblox Corporation per l'assistenza.

CoreSymbolication

Ringraziamo Brandon Azad per l'assistenza.

Voce aggiunta il 13 dicembre 2018

IOUSBHostFamily

Ringraziamo Dragos Ruiu di CanSecWes per l'assistenza.

Voce aggiunta il 13 dicembre 2018

Kernel

Ringraziamo Brandon Azad per l'assistenza.

Voce aggiunta il 13 dicembre 2018

Mail

Ringraziamo Alessandro Avagliano di Rocket Internet SE, John Whitehead di The New York Times, Kelvin Delbarre di Omicron Software Systems e Zbyszek Żółkiewski per l'assistenza.

QuickLook

Ringraziamo lokihardt di Google Project Zero, Wojciech Reguła (@_r3ggi) di SecuRing e Patrick Wardle di Digita Security per l'assistenza.

Voce aggiunta il 13 dicembre 2018

Sicurezza

Ringraziamo Christoph Sinai, Daniel Dudek (@dannysapples) di The Irish Times e Filip Klubička (@lemoncloak) di ADAPT Centre, Dublin Institute of Technology, Istvan Csanady di Shapr3D, Omar Barkawi di ITG Software, Inc., Phil Caleno, Wilson Ding e un ricercatore anonimo per l'assistenza.

SQLite

Ringraziamo Andreas Kurtz (@aykay) di NESO Security Labs GmbH per l'assistenza.

Terminale

Ringraziamo un ricercatore anonimo per l'assistenza.

Voce aggiunta il 13 dicembre 2018

Time Machine

Ringraziamo Matthew Thomas di Verisign per l'assistenza.

Voce aggiornata il 22 gennaio 2019

WindowServer

Ringraziamo Patrick Wardle di Digita Security per l'assistenza.

Voce aggiunta il 13 dicembre 2018

Le informazioni relative ai prodotti non fabbricati da Apple o ai siti web indipendenti non controllati o testati da Apple vengono fornite senza raccomandazioni o approvazioni. Apple non si assume alcuna responsabilità in merito alla scelta, alle prestazioni o all'utilizzo di prodotti o siti web di terze parti. Apple non esprime alcuna opinione in merito alla precisione o all'affidabilità dei siti web di terze parti. Esistono rischi impliciti nell'uso di internet. Per ulteriori informazioni contattare il fornitore. Altri nomi di aziende e prodotti potrebbero essere marchi dei rispettivi proprietari.

Data di pubblicazione: