Roaming su reti Wi-Fi con gli standard 802.11k, 802.11r e 802.11v su iOS

Scopri in che modo iOS e iPadOS migliorano il roaming client usando gli standard di rete Wi-Fi.

iOS supporta il roaming client ottimizzato su reti Wi-Fi aziendali. Gli standard k, r e v del gruppo di lavoro 802.11 consentono ai client di eseguire il roaming da un punto di accesso (AP) a un altro all'interno della stessa rete in modo più efficiente.

802.11k

Grazie allo standard 802.11k, la ricerca sui dispositivi dei punti di accesso vicini disponibili come destinazioni per il roaming viene velocizzata mediante la creazione di un elenco di canali ottimizzato. Quando la potenza del segnale del punto di accesso corrente si indebolisce, il dispositivo esegue la scansione dei punti di accesso di destinazione inclusi in tale elenco.

802.11r

Quando il dispositivo esegue il roaming da un punto di accesso a un altro sulla stessa rete, lo standard 802.11r usa una funzione denominata FT (Fast Basic Service Set Transition) per effettuare più rapidamente l'autenticazione. FT funziona con entrambi i metodi di autenticazione, PSK (Pre Shared Key) e 802.1X.

iOS 10 e versioni successive e iPadOS includono il supporto per lo standard 802.11r adattivo su reti wireless Cisco. Lo standard 802.11r adattivo offre la funzione FT senza la necessità di attivare 802.11r sulla rete wireless Cisco configurata.

802.11v

iOS e iPadOS supportano le seguenti funzionalità dello standard 802.11v su determinati dispositivi:

  • Gestione delle transizioni BSS (Basic Service Set)
  • Disassociation Imminent
  • DMS (Directed Multicast Service)
  • BSS Max Idle Service

Grazie alla gestione delle transizioni BSS con Disassociation Imminent, il livello di controllo della rete può influenzare il comportamento del roaming client fornendo informazioni sul carico dei punti di accesso vicini. Il dispositivo tiene conto di queste informazioni per decidere tra le possibili destinazioni per il roaming.

DMS ottimizza la trasmissione del traffico multicast sulle reti wireless. Il dispositivo usa queste informazioni per migliorare la comunicazione multicast e prolungare la durata della batteria del dispositivo.

BSS Max Idle Service aiuta i client e i punti di accesso a decidere in modo efficiente per quanto tempo rimanere associati quando non viene trasmesso traffico. Il dispositivo usa queste informazioni per prolungare la durata della batteria del dispositivo.

Combinando la capacità degli standard 802.11k e 802.11v di identificare più rapidamente il punto di accesso di destinazione migliore con la maggiore rapidità di associazione del punto di accesso offerta da FT, le app possono funzionare più velocemente e otterrai un'esperienza di connessione Wi-Fi migliore in iOS e iPadOS.


Ulteriori informazioni

La maggior parte dei fornitori di hardware di rete Wi-Fi supporta gli standard 802.11k, 802.11v e 802.11r (FT). Perché la rete possa usare queste funzioni, devi abilitarle e configurarle sul router Wi-Fi. La configurazione può variare, pertanto per i dettagli consulta il manuale del tuo router Wi-Fi.

Nei seguenti elenchi sono indicati i dispositivi iOS che supportano gli standard 802.11k, 802.11r e 802.11v. Per usare gli standard 802.11k e 802.11r, devi disporre di iOS 6 o versioni successive. Per usare lo standard 802.11v, devi disporre di iOS 7 o versioni successive. Per usare lo standard 802.11r, devi disporre di iOS 10 o versioni successive.

802.11k e r

  • iPhone 4s e successivi
  • iPad Pro e successivi
  • iPad Air e successivi
  • iPad mini e successivi
  • iPad (3a generazione) e successivi
  • iPod touch (5a generazione) e successivi

802.11r adattivo

  • iPhone 6s e successivi
  • iPad Pro e successivi
  • iPad (5a generazione) e successivi

802.11v

  • iPhone 5c, iPhone 5s e successivi
  • iPad Pro e successivi
  • iPad Air e successivi
  • iPad mini 2 e successivi
  • iPad (5a generazione) e successivi
  • iPod touch (6a generazione) e successivi

Caching PMKID (Pairwise Master Key Identifier)

iOS 5.1 e versioni successive e iPadOS supportano inoltre il caching PMKID (Pairwise Master Key Identifier). Puoi usare il caching PMKID con alcune apparecchiature Cisco per migliorare il roaming tra punti di accesso. SKC (Sticky Key Caching) è un tipo di caching PMKID. SKC non equivale né è compatibile con OKC (Opportunistic Key Caching).

Per supportare lo standard 802.11r adattivo, la rete Cisco deve utilizzare il codice controller 8.3 o versioni successive. I PMF (Protected Management Frames) dello standard 802.11w interagiscono con il supporto di iOS e iPadOS per gli standard 802.11k, 802.11r e 802.11v.

Scopri come i dispositivi con iOS e iPadOS eseguono il roaming in un ambiente Wi-Fi aziendale.

Scopri di più su questi standard sul sito web dell'organizzazione IEEE:

Scopri come identificare questi modelli di dispositivi:

 

Le informazioni su prodotti non fabbricati da Apple, o su siti web indipendenti non controllati o testati da Apple, non implicano alcuna raccomandazione o approvazione. Apple non si assume alcuna responsabilità in merito alla scelta, alle prestazioni o all'utilizzo di prodotti o siti web di terze parti. Apple non esprime alcuna opinione in merito alla precisione o all'affidabilità dei siti web di terze parti. Per ulteriori informazioni contatta il fornitore.

Data di pubblicazione: